Articoli originali | open access
Sottoposto a Peer review

Patologie del tendine dello sportivo: approccio chirurgico

F. Rosso, U. Cottino, D.E. Bonasia, R. Rossi

Sport and Anatomy Fascicolo 3-2017, pagine: 99-110
@ Pisa University Press 2017
Pubblicato: 20 dicembre 2018


L’intero articolo è disponibile

Riassunto

La tendinopatia nello sportivo può essere un evento estremamente disabilitante, e che può limitare il ritorno all’attività agli stessi livelli rispetto al pre-infortunio. Considerando anche la costante crescita del numero di sportivi anche amatoriali, il numero di tali infortuni è in costante aumento. I distretti più colpiti sono sicuramente la spalla e il gomito, in particolare negli sport di lancio, il ginocchio, soprattutto negli sport di salto, e la caviglia, in particolare per i corridori o i saltatori. Il trattamento conservativo è sicuramente la prima linea di trattamento in tutte le tendinopatie. Spesso la risposta a tale trattamento è molto buona. L’indicazione al trattamento chirurgico è normalmente la non risposta ad almeno 3-6 mesi di trattamento conservativo. In alcuni casi, in particolare in presenza di rotture tendinee, il trattamento chirurgico può essere la prima linea di trattamento, in particolare negli atleti. In questo manoscritto verranno considerati i diversi distretti anatomici, soffermandosi sulle tendinopatie più comuni e sulle indicazioni al trattamento chirurgico, oltre che sulle differenti tecniche chirurgiche utilizzabili.


Parole chiave

Tendine · Atleta · Tendinopatia · Chirurgia

Percorso di valutazione

Peer reviewed. Certificazione della qualità


Abstract

Tendinopathy in athletes may be a disabling pathology, and it may reduce the rate of return to the pre-injury level of activity. The number of injuries is increasing, probably due to the increasing number of people involved in some sort of sport. The most frequently injured joints are shoulder and elbow, particularly in throwing sports, the knee, particularly jumpers, and the ankle, particularly for runners and jumpers. Conservative treatment is the first line of treatment in these patients. In most of the cases it is not necessary to perform any surgical treatment. However, surgery may be indicated after 3 to 6 months of failed conservative treatment. In some cases, such as complete tendon lesion, surgery may be indicated as a first line treatment, particularly in athletes. In this manuscript the most frequent tendinopathy of athletes will be discussed, focusing on diagnosis, conservative and surgical treatment.

Keywords

Tendon · Athletes · Tendinopathy · Surgery

L’intero articolo è disponibile