Articoli originali | open access
Sottoposto a Peer review

Emorragia

F. Gambardella, F. Gioviale

Sport and Anatomy Fascicolo 3-2018, pagine: 67-70
@ Pisa University Press 2018
Pubblicato: 20 febbraio 2020


L’intero articolo è disponibile

Riassunto

Per emorragia si intende la fuoriuscita di sangue da un vaso sanguigno. In base alla sede, può essere esterna, interna o interna esteriorizzata; mentre a seconda del vaso coinvolto può essere arteriosa, venosa o capillare. Essa è di solito facilmente riconoscibile ed in ambito medico sportivo è soprattutto conseguenza di traumi. In caso di mancato riconoscimento e dell’incapacità ad arrestarla, essa può aggravarsi con sintomi che vanno dal pallore, ai brividi, alla nausea, fino ad arrivare alla condizione di stato soporoso e shock emorragico. Per questo, in caso di emorragie importanti, è necessario valutare i parametri vitali del paziente. Il trattamento deve mirare ad arrestare la perdita ematica, e quando possibile, si basa sulla compressione del vaso leso su un piano osseo sottostante. I metodi principali di trattamento di un’emorragia sono la compressione diretta con concomitante sollevamento del segmento corporeo coinvolto; la fasciatura compressiva, effettuata facendo attenzione a conservare il polso arterioso a valle di essa; la compressione di punti a distanza, a monte della lesione. L’uso di lacci emostatici è sconsigliato e deve essere riservato solo a casi particolari.


Parole chiave

Emorragia · Trauma · Shock emorragico · Compressione

Percorso di valutazione

Peer reviewed. Certificazione della qualità


Abstract

Hemorrhage is the leakage of blood from a blood vessel. According to the site, hemorrhage could be classified as external, internal or internal externalized. Moreover, based on the type of vessel involved, it could be arterial, venous or capillary. Usually, it is easily recognizable and it is often related to a trauma in sport medicine. Failing in recognize bleeding or not being able to stop it, can lead to a very serious condition manifesting with symptoms ranging from pallor, tremors and nausea, up to loss of consciousness and hemorrhagic shock. Therefore, the assessment of vital signs is mandatory. Treatment should aim to stop the bleeding and it is based on the compression of the damaged vessel upon the bone plane below. Several methods of treating a hemorrhage exist: directly compression of the wound with lifting of the affected body segment at the same time; compressive bandaging, preserving the distal arterial pulse; compression of proximal arterial sites. The use of tourniquets is not recommended and should be limited to selected cases.

Keywords

Hemorrhage · Trauma · Hemorrhagic Shock · Compression

L’intero articolo è disponibile